Videomemorie di un 19 di luglio…

Nel fare ripulisti ho trovato dei vecchi filmini… oggi ricorre l’anniversario del trionfo della rivoluzione sandinista in Nicaragua. Ho collegato le immagini il racconto di quella giornata che faccio nel mio libro Misa Campesina. Buona visione e buon ascolto! (il video è in spagnolo, ma il libro esiste anche in italiano!)

 

Share Button
Posted in Biografia, Nicaragua | Tagged , | Leave a comment

Nuova edizione di un classico della salute globale

Elementi_2_prima_di_copertinaElementi di Salute Globale

Globalizzazione, politiche sanitarie e salute umana

Nuova edizione aggiornata

Eduardo Missoni e Guglielmo Pacileo
Prefazione (alla prima edizione) di Giovanni Berlinguer
Franco Angeli, 2016

Lo studio delle interazioni tra il processo di globalizzazione e la salute umana è l’oggetto di un’area di ricerca, formazione e di pratiche interdisciplinari consolidatasi negli ultimi quindici anni, che diversi autori ormai individuano come “Salute Globale” differenziandola dai più tradizionali studi di “sanità pubblica internazionale”.
Il testo, che si propone di iniziare allo studio della salute globale, guarda alla salute nella sua accezione più ampia, non solo come condizione fisica e mentale dell’individuo, ma anche nella sua correlazione con lo stato di benessere sociale. L’approccio quindi è interdisciplinare: affronta il tema in una dimensione transnazionale e globale, dove i determinanti sociali, economici e politici si intersecano tra loro con crescenti complessità al di là dei confini e delle relazioni bilaterali e multilaterali tra gli Stati nazionali al cui controllo sono sempre meno soggetti.
Dopo aver accompagnato generazioni di studenti Elementi di salute globale giunge finalmente a una necessaria seconda edizione, rivista, aggiornata e ampliata, che speriamo continui a risultare utile sia a chi per la prima volta si avvicina alle tematiche globali sia a chi, già in possesso di alcune nozioni, desideri riordinare i concetti acquisiti o orientarsi con più facilità nell’analisi del fenomeno in questione. Acquista

Share Button
Posted in Uncategorized | Leave a comment

Allerta Zika – intervenire sui determinanti

Il primo febbraio 2016 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato l’allerta globale per l’epidemia di virus Zika.

Questa infezione è trasmessa da zanzare del genere Aedes che trasmettono anche altre malattie virali come il dengue, la febbre gialla e il chikungunya. L’attuale distribuzione della malattie trasmesse da Aedes è legata a storici movimenti di persone e merci (la zanzara raggiunse le Americhe grazie al mercato transoceanico degli schiavi).  La diffusione delle zanzare Aedes è stata facilitata dalla crescita delle disugaglianze e la concentrazione di masse crescenti di popolazione che vivono in infime in condizioni igieniche, in infinite periferie urbane: senza accesso all’acqua corrente, senza sistemi di drenaggio delle acque reflue, senza sistemi fognanti, senza accesso a cure sanitarie, in mezzo a montagne di rifiuti e ricettacoli plastici frutto di un modello di sviluppo basato sull’obiettivo di una crescita economica indiscriminata e, per definizone, insostenibile. E’ stato anche dimostrato che le aree urbane non solo solo il luogo privilegiato della trasmissione delle malattie virali trasmesse da Aedes, ma – almeno nel caso del dengue – facilitano anche la crescita di ceppi virali con un accresciuto potenziale epidemico.

La risposta (principale) non è la ricerca di un vaccino, ma un radicale cambiamento di rotta per la trasformazione di sistemi sociali non solo iniqui, ma insostenibili. Un primo, piccolo passo dovrebbe essere quello della creazione di condizioni di vita umane nella vaste periferie urbane del mondo.

Share Button
Posted in Salute Globale, Sviluppo | Tagged , , , , , | Leave a comment

Roma – Giovani italiani nelle Nazioni Unite una storia lunga oltre 40 anni (14.12.15) – Intervento di Eduardo Missoni

 

Share Button
Posted in Biografia, Cooperazione allo sviluppo, Istituzioni Internazionali | Tagged , , | Leave a comment

Best wishes!

Christmas 2015 – New Year 2016

Dear friends,
my family has old maritime traditions. This year my father, last “sea captain” of his ancestry, set sail toward the infinite. He taught me “set your course toward far horizons and firmly keep the helmstock in that direction” and he taught me generosity; also his last words were: “Is there something I can do for you?”.
Today humanity is not navigating in calm waters, indeed it seems it has lost the compass. The mantra of economic growth, continuously pushes a dazed humanity indiscriminate consumption, independently from the real needs of individuals and communities. Humanity is slave of globalised economic interests and suffers the consequences of that “development” model: increasing inequalities in the distribution of resources, armed conflicts and social tensions, environmental degradation, dramatic climatic changes.
Interchanging ideas with my younger friends I share with them the need to have the chance to dream and design a different future. This is why I wish us all, not to resign to a world that is not as we wish it. Surely there is something that we may do for others, for humanity and the part of it which lives in every individual, for the Planet which belongs to all, and to which we all belong. Let’s imagine a different future and we will also be able to draw the course toward that horizon. Let’s firmly keep the ethical helmstock of our values and surely we’ll navigate in the right direction. Best wishes! Fair wind (and calm seas) in 2016!

Eduardo

Share Button
Posted in Uncategorized | Leave a comment

The donation potential of value-driven youth and non-formal education organizations: the case of the Scout Movement

goccia_di_sanguePaper presented by Eduardo Missoni at the ESTM residential course “Learning the best ways for caring fro blood donors”, European School of Transfusion Medicine, Milano, Italy, 3-5-12-2015.

 

Introduction
“NAPLES, Italy – One azure morning in December, Laura Cozzolino arrived at her corner cafe in central Naples and ordered her usual: a dense espresso, which arrived steaming hot on the dark marble counter.
She lingered over the aroma, then knocked it back in two quick sips. But instead of paying for one coffee, she paid for two, leaving the receipt for the other -a caffè sospeso, or suspended coffee- with the bartender for a stranger to enjoy” (20).

The “caffè sospeso” (Italian for a suspended or unaccomplished coffee), is a Neapolitan tradition that boomed during World War II and has found a revival in recent years during hard economic times. According to that tradition in Naples someone who had experienced good luck would order a “caffè sospeso” paying the price of two coffees but receiving and consuming only one. A poor person enquiring later whether there was a “sospeso” available would then be served a coffee for free. What motivates such a simple, anonymous act of generosity?
Open-source initiatives are another example of attitude toward donation. Open source initiatives appear in many forms, however two primary types can be identified: open source software and open source content: i.e. the creation of a body of knowledge, such as online discussion forums, consumers’ reviews, collaborative website tagging, online encyclopaedias, and others (18). Both open-source software and content projects are a collaborative endeavour of individuals, mostly young people, who volunteer their time, effort and skills to produce a product that is available to all. What is the vision they share leading to offer their time and expertise for free?
In London in 1909 a “Scout offered to show the way to a gentleman as his good turn for the day. When the stranger offered to pay for his trouble, of course the Scout said: No, thank you, sir. I am a Scout” (Baden-Powell (4)).
A surprising answer to the foreigner; in that situation he would have rather considered normal for the young boy to accept the proposed reward for the service. What does it mean “I am a Scout”?
The choice of generously donating, without an evident and immediate return characterises the three above referred experiences, and many more examples of similar individual and collective behaviours could be proposed.However, those practices contrast strongly with the characteristics of contemporary society which is predominantly based on exchange, and where giving is based on reciprocity -“do ut des”- and search for personal advantage, individualism and narcissistic consumption.
Indeed, the acceleration of the process of globalisation has pushed a process of cultural homogenisation, along with the adoption of a Western, neoliberal development model, based on the dogma of economic growth, competition and maximisation of profit, which in turn requires indefinite and unsustainable consumption of resources and production of waste.
Zygmunt Bauman’s “I consume, thus I am” well synthesises this contemporary way of recognising the existence of the human being. Indeed, the networks of human relations have been colonised by the devotion to consumption. The traditional sense of responsibility of ethical duty and moral concern for others, are transferred toward oneself, personal success and forecast of possible risks. “Responsible choices” today are associated with decisions that respond to the interests of the Self and answer to its wishes (5).

In contrast, increasingly young people spontaneously join to actively work for alternative structures and functioning of modern society, networking and organising around shared principles of cooperation and solidarity.
The Neapolitan tradition of the caffè sospeso inspires today many groups of people and lead to similar practice and more or less organised initiatives and solidarity networks in many countries around the world (26). Although the participation in the Open-source movement is often and individual choice, hundreds of organised groups have been established on that principle.

In the case of the Scout movement, today possibly the largest transnational youth-targeted non-formal education movement worldwide , its growth over more than hundred years is based on a well defined, values-driven educational method for “Good citizenship” (4) putting strong emphasis on helping others.

Several studies have explored the determinants of individual generosity and propensity to donation, and specifically blood donation, including the effect of people’s pro-social motivation.
However, the potential propensity to blood donation of groups of specifically organised around principles of solidarity and cooperation is still to be further explored. If we assume a high donation potential for people in this kind of organisations, the propensity to donate is probably much higher for young adults who spent many years of their childhood and adolescence in values-driven organisations whose objective is the education to social commitment, such as those belonging to the Scout Movement.
The objective of this paper is to preliminarily reflect on the donation potential of youth in value-driven non-formal education organisations, using the Scout Movement as a specific case.

Read the full article

Share Button
Posted in Ethics, Scouting, Youth | Tagged , , | Leave a comment

Scout con “S” (mayúscula) – en español

Foro Nacional de Jóvenes – Argentina 10 Octubre 2015

Share Button
Tagged | Leave a comment

La salute principale obiettivo di sviluppo sostenibile “Perché nessuno resti indietro”

Relazione tenuta in occasione della presentazione del numero della rivista “Sistema Salute” del Centro Sperimentale per la Promozione della Salute e l’Educazione Sanitaria (CESPES) dell’Università degli Studi di Perugia, tenutasi il 23 Settembre 2015

Share Button
Posted in Cooperazione allo sviluppo, Salute Globale | Tagged , , , | Leave a comment

La prossima “Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo”

Cooperazione_ItalianaNon si sa ancora chi dirigerà la nuova Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo, intanto però desidero condividere l’introduzione, la missione e la visione delle linee programmatiche che ho proposto, magari perché ispirino la persona che sarà chiamata a dirigerla.

Dalle mie “Linee Programmatiche”

 

Introduzione

Con la legge 11 agosto 2014, n.125 l’Italia si è dotata di nuovi strumenti per un suo rinnovato ruolo nella cooperazione internazionale per lo sviluppo sostenibile, i diritti umani e la pace, e qualificare con quello la sua politica estera.

Per l’attuazione delle politiche di cooperazione allo sviluppo la legge 125/2014 ha istituito l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo sviluppo (art. 17). Le linee generali di funzionamento e i principi di organizzazione dell’Agenzia sono stabiliti nello Statuto dell’Agenzia varato con successivo decreto 22 luglio 2015, n. 113, del MAECI. E’ stato inoltre adottato il Documento triennale di programmazione e d’indirizzo nell’ambito delle cui direttive l’Agenzia dovrà operare, assicurandone l’attuazione per quanto di sua competenza come ente esecutore e finanziatore.

Perché possa essere assicurata la necessaria funzionalità dell’Agenzia entro la data di “piena operatività” (1 gennaio 2016) e poter quindi assumere la responsabilità del ruolo che la Legge le affida, la medesima dovrà in prima istanza dotarsi degli strumenti regolamentari e organizzativi interni previsti dallo Statuto. Data la ristrettezza dei tempi, per evitare che tali regolamenti soffrano di rigidità e per favorire l’innovazione dovranno essere previsti strumenti di agile adattamento sulla base di procedure di analisi e verifica d’impatto.

L’assetto organizzativo, funzione degli obiettivi dell’Agenzia tenuto conto di condizioni e limiti di partenza, è certamente importante, ma le organizzazioni si fondano sulle persone. Il buon funzionamento del sistema, dipende dalla conoscenza, dall’esperienza e dalla motivazione, ma soprattutto dall’etica che caratterizza le scelte e l’azione di tutte le persone a diverso titolo coinvolte. In tal senso, anche al fine di utilizzare al meglio tutte le risorse (formali, informali, tecniche, economiche, culturali) di cui il sistema dispone, sarà fondamentale costruire e mobilitare la collaborazione fattiva, onesta e trasparente tra le persone che costituiranno l’Agenzia, non ché tra questa, il MAECI e gli altri soggetti pubblici e privati del Sistema italiano di cooperazione allo sviluppo, intorno alla strategia di cambiamento necessaria al conseguimento degli obiettivi che la Legge ha definito, di cui l’Agenzia costituisce un perno essenziale.

Missione

Dare attuazione alle politiche di Cooperazione allo sviluppo contribuendo, nei limiti e secondo il mandato stabiliti dalla corrispondente normativa, ad affermare il ruolo dell’Italia nel più ampio contesto dell’agenda globale 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Visione

L’Agenzia italiana di cooperazione allo sviluppo è riconosciuta in Italia, nei paesi partner, a livello europeo e a livello globale come un partner affidabile ed efficace nel dare compimento, per quanto di sua competenza, agli impegni assunti dall’Italia per lo sviluppo sostenibile, i diritti umani e la pace. Un’organizzazione efficiente, altamente decentrata, prossima ai bisogni delle popolazioni; che interagisce efficacemente con le istituzioni locali e gli altri partner nei territori e nelle sedi internazionali in cui opera, e con tutti gli altri soggetti del Sistema italiano di cooperazione allo sviluppo, alla cui coerenza contribuisce; determinata nell’applicazione dei principi di appropriazione, allineamento, armonizzazione, gestione basata sui risultati, e di responsabilità reciproca internazionalmente adottati. Un’organizzazione di elevata professionalità, trasparente, aperta all’innovazione, basata sulla condivisione della conoscenza, capace di rispettare e valorizzare le diversità, centrata sulle persone e ispirata dai più alti valori etici.

Share Button
Posted in Cooperazione allo sviluppo, Sviluppo | Tagged , | Leave a comment

ll Teatro fa bene – un interessante progetto per la salute in Mozambico

Venerdì 23 ottobre 2015 presso la CasaCorriere all’Expo di Milano è stato presentato il progetto “Il teatro fa bene” che ho commentato insieme a Jacopo Fo e Iacopo Patierno, creatori del progetto, e Filippo Uberti, Segretario generale di ENI Foundation, in un incontro moderato da Giuseppe Sarcina, editorialista del Corriere della Sera.

Qui sotto il video integrale dell’evento (miei interventi dal minuto 16:15 al minuto 22:19, e dal minuto 47:27 al minuto 53:17)

Share Button
Posted in Cooperazione allo sviluppo, Salute Globale, Sviluppo | Tagged , | Leave a comment