Allerta Zika – intervenire sui determinanti

Il primo febbraio 2016 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato l’allerta globale per l’epidemia di virus Zika.

Questa infezione è trasmessa da zanzare del genere Aedes che trasmettono anche altre malattie virali come il dengue, la febbre gialla e il chikungunya. L’attuale distribuzione della malattie trasmesse da Aedes è legata a storici movimenti di persone e merci (la zanzara raggiunse le Americhe grazie al mercato transoceanico degli schiavi).  La diffusione delle zanzare Aedes è stata facilitata dalla crescita delle disugaglianze e la concentrazione di masse crescenti di popolazione che vivono in infime in condizioni igieniche, in infinite periferie urbane: senza accesso all’acqua corrente, senza sistemi di drenaggio delle acque reflue, senza sistemi fognanti, senza accesso a cure sanitarie, in mezzo a montagne di rifiuti e ricettacoli plastici frutto di un modello di sviluppo basato sull’obiettivo di una crescita economica indiscriminata e, per definizone, insostenibile. E’ stato anche dimostrato che le aree urbane non solo solo il luogo privilegiato della trasmissione delle malattie virali trasmesse da Aedes, ma – almeno nel caso del dengue – facilitano anche la crescita di ceppi virali con un accresciuto potenziale epidemico.

La risposta (principale) non è la ricerca di un vaccino, ma un radicale cambiamento di rotta per la trasformazione di sistemi sociali non solo iniqui, ma insostenibili. Un primo, piccolo passo dovrebbe essere quello della creazione di condizioni di vita umane nella vaste periferie urbane del mondo.

Share Button
Posted in Salute Globale, Sviluppo | Tagged , , , , , | Leave a comment

Roma – Giovani italiani nelle Nazioni Unite una storia lunga oltre 40 anni (14.12.15) – Intervento di Eduardo Missoni

 

Share Button
Posted in Biografia, Cooperazione allo sviluppo, Istituzioni Internazionali | Tagged , , | Leave a comment

Best wishes!

Christmas 2015 – New Year 2016

Dear friends,
my family has old maritime traditions. This year my father, last “sea captain” of his ancestry, set sail toward the infinite. He taught me “set your course toward far horizons and firmly keep the helmstock in that direction” and he taught me generosity; also his last words were: “Is there something I can do for you?”.
Today humanity is not navigating in calm waters, indeed it seems it has lost the compass. The mantra of economic growth, continuously pushes a dazed humanity indiscriminate consumption, independently from the real needs of individuals and communities. Humanity is slave of globalised economic interests and suffers the consequences of that “development” model: increasing inequalities in the distribution of resources, armed conflicts and social tensions, environmental degradation, dramatic climatic changes.
Interchanging ideas with my younger friends I share with them the need to have the chance to dream and design a different future. This is why I wish us all, not to resign to a world that is not as we wish it. Surely there is something that we may do for others, for humanity and the part of it which lives in every individual, for the Planet which belongs to all, and to which we all belong. Let’s imagine a different future and we will also be able to draw the course toward that horizon. Let’s firmly keep the ethical helmstock of our values and surely we’ll navigate in the right direction. Best wishes! Fair wind (and calm seas) in 2016!

Eduardo

Share Button
Posted in Uncategorized | Leave a comment

The donation potential of value-driven youth and non-formal education organizations: the case of the Scout Movement

goccia_di_sanguePaper presented by Eduardo Missoni at the ESTM residential course “Learning the best ways for caring fro blood donors”, European School of Transfusion Medicine, Milano, Italy, 3-5-12-2015.

 

Introduction
“NAPLES, Italy – One azure morning in December, Laura Cozzolino arrived at her corner cafe in central Naples and ordered her usual: a dense espresso, which arrived steaming hot on the dark marble counter.
She lingered over the aroma, then knocked it back in two quick sips. But instead of paying for one coffee, she paid for two, leaving the receipt for the other -a caffè sospeso, or suspended coffee- with the bartender for a stranger to enjoy” (20).

The “caffè sospeso” (Italian for a suspended or unaccomplished coffee), is a Neapolitan tradition that boomed during World War II and has found a revival in recent years during hard economic times. According to that tradition in Naples someone who had experienced good luck would order a “caffè sospeso” paying the price of two coffees but receiving and consuming only one. A poor person enquiring later whether there was a “sospeso” available would then be served a coffee for free. What motivates such a simple, anonymous act of generosity?
Open-source initiatives are another example of attitude toward donation. Open source initiatives appear in many forms, however two primary types can be identified: open source software and open source content: i.e. the creation of a body of knowledge, such as online discussion forums, consumers’ reviews, collaborative website tagging, online encyclopaedias, and others (18). Both open-source software and content projects are a collaborative endeavour of individuals, mostly young people, who volunteer their time, effort and skills to produce a product that is available to all. What is the vision they share leading to offer their time and expertise for free?
In London in 1909 a “Scout offered to show the way to a gentleman as his good turn for the day. When the stranger offered to pay for his trouble, of course the Scout said: No, thank you, sir. I am a Scout” (Baden-Powell (4)).
A surprising answer to the foreigner; in that situation he would have rather considered normal for the young boy to accept the proposed reward for the service. What does it mean “I am a Scout”?
The choice of generously donating, without an evident and immediate return characterises the three above referred experiences, and many more examples of similar individual and collective behaviours could be proposed.However, those practices contrast strongly with the characteristics of contemporary society which is predominantly based on exchange, and where giving is based on reciprocity -“do ut des”- and search for personal advantage, individualism and narcissistic consumption.
Indeed, the acceleration of the process of globalisation has pushed a process of cultural homogenisation, along with the adoption of a Western, neoliberal development model, based on the dogma of economic growth, competition and maximisation of profit, which in turn requires indefinite and unsustainable consumption of resources and production of waste.
Zygmunt Bauman’s “I consume, thus I am” well synthesises this contemporary way of recognising the existence of the human being. Indeed, the networks of human relations have been colonised by the devotion to consumption. The traditional sense of responsibility of ethical duty and moral concern for others, are transferred toward oneself, personal success and forecast of possible risks. “Responsible choices” today are associated with decisions that respond to the interests of the Self and answer to its wishes (5).

In contrast, increasingly young people spontaneously join to actively work for alternative structures and functioning of modern society, networking and organising around shared principles of cooperation and solidarity.
The Neapolitan tradition of the caffè sospeso inspires today many groups of people and lead to similar practice and more or less organised initiatives and solidarity networks in many countries around the world (26). Although the participation in the Open-source movement is often and individual choice, hundreds of organised groups have been established on that principle.

In the case of the Scout movement, today possibly the largest transnational youth-targeted non-formal education movement worldwide , its growth over more than hundred years is based on a well defined, values-driven educational method for “Good citizenship” (4) putting strong emphasis on helping others.

Several studies have explored the determinants of individual generosity and propensity to donation, and specifically blood donation, including the effect of people’s pro-social motivation.
However, the potential propensity to blood donation of groups of specifically organised around principles of solidarity and cooperation is still to be further explored. If we assume a high donation potential for people in this kind of organisations, the propensity to donate is probably much higher for young adults who spent many years of their childhood and adolescence in values-driven organisations whose objective is the education to social commitment, such as those belonging to the Scout Movement.
The objective of this paper is to preliminarily reflect on the donation potential of youth in value-driven non-formal education organisations, using the Scout Movement as a specific case.

Read the full article

Share Button
Posted in Ethics, Scouting, Youth | Tagged , , | Leave a comment

Scout con “S” (mayúscula) – en español

Foro Nacional de Jóvenes – Argentina 10 Octubre 2015

Share Button
Tagged | Leave a comment

La salute principale obiettivo di sviluppo sostenibile “Perché nessuno resti indietro”

Relazione tenuta in occasione della presentazione del numero della rivista “Sistema Salute” del Centro Sperimentale per la Promozione della Salute e l’Educazione Sanitaria (CESPES) dell’Università degli Studi di Perugia, tenutasi il 23 Settembre 2015

Share Button
Posted in Cooperazione allo sviluppo, Salute Globale | Tagged , , , | Leave a comment

La prossima “Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo”

Cooperazione_ItalianaNon si sa ancora chi dirigerà la nuova Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo, intanto però desidero condividere l’introduzione, la missione e la visione delle linee programmatiche che ho proposto, magari perché ispirino la persona che sarà chiamata a dirigerla.

Dalle mie “Linee Programmatiche”

 

Introduzione

Con la legge 11 agosto 2014, n.125 l’Italia si è dotata di nuovi strumenti per un suo rinnovato ruolo nella cooperazione internazionale per lo sviluppo sostenibile, i diritti umani e la pace, e qualificare con quello la sua politica estera.

Per l’attuazione delle politiche di cooperazione allo sviluppo la legge 125/2014 ha istituito l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo sviluppo (art. 17). Le linee generali di funzionamento e i principi di organizzazione dell’Agenzia sono stabiliti nello Statuto dell’Agenzia varato con successivo decreto 22 luglio 2015, n. 113, del MAECI. E’ stato inoltre adottato il Documento triennale di programmazione e d’indirizzo nell’ambito delle cui direttive l’Agenzia dovrà operare, assicurandone l’attuazione per quanto di sua competenza come ente esecutore e finanziatore.

Perché possa essere assicurata la necessaria funzionalità dell’Agenzia entro la data di “piena operatività” (1 gennaio 2016) e poter quindi assumere la responsabilità del ruolo che la Legge le affida, la medesima dovrà in prima istanza dotarsi degli strumenti regolamentari e organizzativi interni previsti dallo Statuto. Data la ristrettezza dei tempi, per evitare che tali regolamenti soffrano di rigidità e per favorire l’innovazione dovranno essere previsti strumenti di agile adattamento sulla base di procedure di analisi e verifica d’impatto.

L’assetto organizzativo, funzione degli obiettivi dell’Agenzia tenuto conto di condizioni e limiti di partenza, è certamente importante, ma le organizzazioni si fondano sulle persone. Il buon funzionamento del sistema, dipende dalla conoscenza, dall’esperienza e dalla motivazione, ma soprattutto dall’etica che caratterizza le scelte e l’azione di tutte le persone a diverso titolo coinvolte. In tal senso, anche al fine di utilizzare al meglio tutte le risorse (formali, informali, tecniche, economiche, culturali) di cui il sistema dispone, sarà fondamentale costruire e mobilitare la collaborazione fattiva, onesta e trasparente tra le persone che costituiranno l’Agenzia, non ché tra questa, il MAECI e gli altri soggetti pubblici e privati del Sistema italiano di cooperazione allo sviluppo, intorno alla strategia di cambiamento necessaria al conseguimento degli obiettivi che la Legge ha definito, di cui l’Agenzia costituisce un perno essenziale.

Missione

Dare attuazione alle politiche di Cooperazione allo sviluppo contribuendo, nei limiti e secondo il mandato stabiliti dalla corrispondente normativa, ad affermare il ruolo dell’Italia nel più ampio contesto dell’agenda globale 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Visione

L’Agenzia italiana di cooperazione allo sviluppo è riconosciuta in Italia, nei paesi partner, a livello europeo e a livello globale come un partner affidabile ed efficace nel dare compimento, per quanto di sua competenza, agli impegni assunti dall’Italia per lo sviluppo sostenibile, i diritti umani e la pace. Un’organizzazione efficiente, altamente decentrata, prossima ai bisogni delle popolazioni; che interagisce efficacemente con le istituzioni locali e gli altri partner nei territori e nelle sedi internazionali in cui opera, e con tutti gli altri soggetti del Sistema italiano di cooperazione allo sviluppo, alla cui coerenza contribuisce; determinata nell’applicazione dei principi di appropriazione, allineamento, armonizzazione, gestione basata sui risultati, e di responsabilità reciproca internazionalmente adottati. Un’organizzazione di elevata professionalità, trasparente, aperta all’innovazione, basata sulla condivisione della conoscenza, capace di rispettare e valorizzare le diversità, centrata sulle persone e ispirata dai più alti valori etici.

Share Button
Posted in Cooperazione allo sviluppo, Sviluppo | Tagged , | Leave a comment

ll Teatro fa bene – un interessante progetto per la salute in Mozambico

Venerdì 23 ottobre 2015 presso la CasaCorriere all’Expo di Milano è stato presentato il progetto “Il teatro fa bene” che ho commentato insieme a Jacopo Fo e Iacopo Patierno, creatori del progetto, e Filippo Uberti, Segretario generale di ENI Foundation, in un incontro moderato da Giuseppe Sarcina, editorialista del Corriere della Sera.

Qui sotto il video integrale dell’evento (miei interventi dal minuto 16:15 al minuto 22:19, e dal minuto 47:27 al minuto 53:17)

Share Button
Posted in Cooperazione allo sviluppo, Salute Globale, Sviluppo | Tagged , | Leave a comment

Galeotto fu il terremoto (succedeva oggi trent’anni fa)

terremoto-mexicoErano le 7.15 del mattino quando squillò il telefono. Mia madre chiamava sempre verso quell’ora, per essere certa di trovarmi prima che andassi in ufficio. Ero ancora a letto. Mi alzai raggiunsi il telefono nella stanza a fianco e, rispondendo, mi tornai a sedere sul letto, approfittando del lungo filo dell’apparecchio che poggiai sul pavimento.

“…adesso ti passò papà…” disse mia madre all’altro capo del telefono e del mondo
“Ciaò papà…” avevo appena salutato mio padre, quando sentii un rumore strano, uno scricchiolio, proveniente dal grande armadio a muro dietro le mie spalle “possibile che ci siano dei topi in un appartamento al settimo piano?” pensai, continuando la conversazione, poi d’un tratto sentii che il letto cominciava a muoversi “c’è il terremoto!” annunciai a mio padre
“…è forte?” mi chiese lui preoccupato
“abbastanza, ma non credo ci sia da preoccuparsi qui le costruzioni sono antisismiche…” ma il letto si agitava sempre di più; improvvisamente una lunga crepa si disegnò come un fulmine sulla parete di fronte a me “è forte, è forte…vi richiamo più tardi!” interruppi la conversazione spaventato senza riuscire a rimettere la cornetta sul ricevitore che sembrava rotolare sul pavimento…
Ero al settimo piano esclusi immediatamente la possibilità di scendere in strada, barcollavo come ubriaco… “sotto una trave” pensai ricordando antiche raccomandazioni di mio padre, l’unica trave correva lungo la parete esterna, qualcosa mi disse che non sarebbe stata una buona idea… “sotto lo stipite della porta, allora!” e abbracciai la parete divisoria cercando di mantenermi in piedi. La grande vetrata della stanza andava in frantumi come sotto il fuoco della mitraglia…improvvisamente vedo la parete esterna dell’appartamento staccarsi in blocco e volare nel vuoto, risucchiando mobili e carte…era il finimondo…
“è finita” pensai, ma sentivo di andarmene in pace con il mondo, mi dispiaceva solo di non poter tranquillizare i miei genitori “non vi preoccupate, sono sereno…” mi sarebbe piaciuto potergli ancora dire…
Piano, piano la terra sembrò smettere di tremare, poi come d’incanto tutto tacque. Ero vivo. Per un attimo ebbi la sensazione di non vederci più….ma non avevo gli occhiali sul naso. Erano sul comodino sotto i calcinacci. Quasi d’istinto presi da un cassetto la torcia elettrica e uscii dall’appartamento, la porta era già aperta, scardinata. Feci strada alla gente che scendeva dai piani più alti, tra le grida di spavento, chi vestito, chi come me in pigiama e chi nudo, al buio, in mezzo ad un gran polverone, con l’acqua che scorreva lungo le scale, in mezzo ai calcinacci…sembrava di essere in miniera. Arrivammo in strada. C’era confusione, ma con meraviglia notammo che gli edifici vicini apparivano intatti.
Cosa fare? Qualcuno mi diede una moneta per telefonare…María Inés fu il mio primo pensiero; è vero, solo pochi giorni prima mi aveva lasciato, saremmo rimasti buoni amici, non ero fatto per lei…eppure a me sembrò l’unico vero punto di riferimento in quel momento… le linee naturalmente erano interrotte.
Passata una mezz’ora decisi di tornare sù per recuperare le cose essenziali, sarei stato velocissimo, diverse persone mi sconsigliarono vivamente di rientrare nell’edificio; non gli diedi retta.
Arrivato in casa riunii soldi e documenti; qualche indumento misi tutto in una borsa… la terra non tremava… forse per un pò non avrebbe più tremato… già che c’ero potevo portare via qualcosa di più… iniziaii a riempire lo zaino, poi la valigia, poi ancora una grossaborsa a tracolla, poi via giù per le scale, con la torcia fra i denti e carico fino all’impossibile!
Andai a prendere la macchina custodita a non più di cinquanta metri in un garage che sembrava aver resistito (quella sera stessa lo dichiararono inagibile), caricai tutte le mie cose e partii.
María Inés viveva a pochi minuti di distanza. Un quartiere più elegante, di quelli che persino le catasftrofi naturali sembrano rispettare, del terremoto nessun segno. Suonai al campanello… agitato… picchiai sul vetro della porta d’entrata… suonai il campanello… finalmente María Inés apparve sulla porta d’entrata, ancora in vestaglia:
“Que te pasa?” mi salutò come dicendo: “ti sembra questa l’ora di venire e, per giunta di bussare in quel modo”.
“Ma come… il terremoto?” balbettai. Dovevo avere un aspetto convincente, in pigiama e tutto impolverato, eppure
“Il terremoto?” mi rispose con aria sorpresa. Scoppiai a piangere. Mi abbracciò. Si rese immediatamente conto che non era il momento di scherzare; intuì che quel che mi era successo doveva essere ben più grave di quel terremoto che lei aveva superato solo con un pò di spavento, ma senza conseguenze.
Eppure, nessuno dei due aveva ancora compreso a fondo il dramma che si era compiuto in città, dove interi quartieri erano stati rasi al suolo e per molti giorni si continuarono ad estrarre, a migliaia, le vittime dalle macerie.

Da quel 19 settembre, esattamente sette mesi dopo averla conosciuta, non lasciai più la sua casa. Più tardi la lasciammo insieme.terremoto_messico_1985

Share Button
Posted in Uncategorized | Leave a comment

19 Luglio

prima2Correva l’anno 1980. Nicaragua, primo anniversario del trionfo della Revolución Sandinista negli occhi e nelle riflessionidi un giovane medico volontario appena giunto in quel paese.

da Misa Campesina, pp. 52-54

“Fin dalle prime ore dell’alba la Carretera Panamericana era percorsa da una fila ininterrotta di pullman e camion gremiti di persone che giungevano dalle regioni più lontane. Donne e uomini di tutte le età, moltissimi giovani; anche gli studenti che stavano alfabetizzando nella montaña tornavano quel giorno a Managua, per partecipare ai festeggiamenti del primo anniversario della Rivoluzione.
La plaza 19 de Julio, un grande spiazzo asfaltato apposta per l’occasione, era gremita: almeno trecentocinquantamila persone. Sul palco i dirigenti del Frente Sandinista de Liberación Nacional si alternarono al microfono. “Patria libre!” era la consigna, lo slogan, gridato a conclusione di ogni intervento “o morir!” rispondeva la piazza. “Patria o muerte!” riproponeva il palco, “Venceremos!” confermava la folla.
Tra i capi di stato e i grandi leader, solo Fidel Castro aveva risposto all’invito; gli altri, tra cui Carter, Breznew e Arafat, attesissimi, non erano venuti. Sarebbe stato un evento storico, forse avrebbe segnato dall’inizio un destino diverso per il Nicaragua.

Sandino aveva lottato contro l’imperialismo yankee, per la libertà del popolo nicaraguense. Nell’ideale sandinista si erano potuti riconoscere la maggior parte dei nicaraguensi che lottavano contro la feroce dittatura dei Somoza, vassalli del potente vicino del Nord. A pochi mesi dall’insediamento del governo nato dalla Rivoluzione, Violeta Chamorro – che sarebbe poi divenuta Presidente della Repubblica nel 1990 – e Alfonso Robelo, esponenti dell’ala moderata, si erano ritirati e l’FSLN “avanguardia del popolo” con i suoi nove comandanti era rimasto praticamente da solo alla guida del Paese. La bandiera rosso-nera del Frente Sandinista affiancò la bandiera nazionale bianco-azzurra. Le istituzioni e le organizzazioni popolari assunsero la denominazione sandinista, e sandinista era il modello socio-economico proposto. Non si parlava di socialismo e ancor meno di comunismo, parola che per decenni la persecutoria propaganda somozista aveva reso terribile e diabolica all’orecchio nicaraguense, borghese o campesino che fosse. Anche nella ricerca di un modello economico misto, si rifletteva l’originalità della rivoluzione nicaraguense.
Alla ricerca di una prudente, quanto difficile equidistanza dai blocchi, il Nicaragua sandinista si era iscritto tra i paesi non allineati. Oltre all’assistenza di Cuba, immediatamente solidale nei confronti del Nicaragua rivoluzionario, si registrò fin dall’inizio una significativa collaborazione dei paesi dell’Europa occidentale. Meno visibili, ma indiscutibilmente crescenti, erano le relazioni con i paesi del blocco sovietico.
A differenza di molti altri giunti in Nicaragua dopo il 19 di luglio del 1979, la mia partenza non era stata motivata dall’ideologia. e alcuni aspetti propagandistici mi lasciavano perplesso.

Finiti gli studi universitari avevo optato per la sostituzione del servizio militare con un periodo di volontariato civile nella cooperazione internazionale. Influenzato da Albert Schweizer, pensavo ad una “mia” Lambarané in qualche villagio africano. Una certa affinità culturale – anche specchio di un comune passato scout- con le persone che incontrai nel corso dei colloqui di selezione, avevano condizionato poi la mia scelta per il MLAL, destinazione la Colombia. Per tre mesi avevo condiviso con altri volontari in partenza e molti religiosi – anche loro in procinto di iniziare la missione nel Nuovo Continente – un periodo di intensa preparazione presso il Seminario America Latina di Verona.
Anche per la sua ispirazione cristiana, il MLAL non poteva rimanere indifferente a speranze di democrazia e giustizia sociale ed al coinvolgimento delle comunità cristiane nella costruzione della nuova società, con ben quattro preti al governo. Per me la destinazione non faceva molta differenza. Così quando mi proposero di andare in Nicaragua accettai. Non ero certo tra i “rivoluzionari” che avevano seguito quell’esperienza con trepidazione attraverso la televisione e i giornali; a differenza di molti miei amici, in quegli anni, non ero stato attratto dalla politica. Credevo però nei principi di pace e giustizia sociale, ed in quel senso il mio impegno e le mie scelte erano radicali.

La coscientizzazione insita nel metodo di Paulo Freire adottato per la campagna di alfabetizzazione, sembrava viziata dall’inserimento di elementi di propaganda ideologica nella cartilla de alfabetización. Radio e televisione (quest’ultima però praticamente assente in tutta l’area rurale) ripetevano continuamente slogan “rivoluzionari”. La giunta di governo era formata in prevalenza dai comandantes che avevano diretto fino all’anno prima la lotta di liberazione, ma anche da quattro preti, mentre il Paese rimaneva militarizzato. Mi era difficile capire quanto quella capillare presenza armata fosse giustificata da episodi di attività controrivoluzionaria, che a volte non sembravano distinguersi da manifestazioni di criminalità comune.

I bambini, la retaguardia, che sfilarono in piazza sotto il palco quel 19 di luglio, richiamarono alla mia memoria di italiano -seppure formata sui libri di storia e i racconti dei parenti- i “balilla” del ventennio; coì come la sfilata dei giovani inquadrati nella “gioventù sandinista” e la chiamata all’arruolamento nelle “milizie popolari”.
La manifestazione si concluse con la sfilata dei reparti militari. Era il primo anniversario della Rivoluzione sandinista ed erano trascorsi appena due mesi dal mio arrivo in Nicaragua.” Nicaragua_al_letto_del malato

Share Button
Posted in Biografia, Libri, Nicaragua | Tagged , | Leave a comment