“Peri-border” health care programs: the Ecuador–Peru experience

RevPanSalPub

Rev. Panam Salud Publica. 2014;35(3):207-13

Gianluca Cafagna, Eduardo Missoni, and Rosa Luz Benites de Beingolea

Abstract

Objective. To identify the main strengths, weaknesses, and challenges of the Ecuador– Peru “peri-border” health care program and to analyze the legislative, managerial, and organizational arrangements adopted to integrate the two country’s national health systems in the border area.
Methods. A descriptive, qualitative case study was carried out using three complementary methods: literature review and analysis of official Peruvian and Ecuadoran national and bina- tional documents, 18 semi-structured interviews of key informants, and a survey of the entire health worker population of the Suyo–Macará binational micro-network.
Results. The key program challenge was the absence of reciprocity; Peruvian citizens were entitled to free health care services in Ecuador but Ecuadoran citizens did not receive the same benefit in Peru. The need for improvements in the binational system’s human resources was also identified. The program’s main strength was its organizational structure, which is designed mainly for the implementation of 1) the binational network and 2) a patient referral / counter-referral system that includes the transfer of patient clinical information. Conclusions. Notwithstanding considerable challenges, peri-border programs are feasible and replicable. Program success seems to be highly dependent on the completion of a number of steps, including 1) consolidation of the original binational memorandum into a binding binational agreement between the two countries; 2) achievement of similar standards in both countries for the provision and quality of health care services, focusing on complementarities; and 3) development of an integrated binational information system.

Read the full paper

 

Share
Leave a comment

“Peri-border” health care programs: the Ecuador–Peru experience

RevPanSalPub

Rev. Panam Salud Publica. 2014;35(3):207-13

Gianluca Cafagna, Eduardo Missoni, and Rosa Luz Benites de Beingolea

Abstract

Objective. To identify the main strengths, weaknesses, and challenges of the Ecuador– Peru “peri-border” health care program and to analyze the legislative, managerial, and organizational arrangements adopted to integrate the two country’s national health systems in the border area.
Methods. A descriptive, qualitative case study was carried out using three complementary methods: literature review and analysis of official Peruvian and Ecuadoran national and bina- tional documents, 18 semi-structured interviews of key informants, and a survey of the entire health worker population of the Suyo–Macará binational micro-network.
Results. The key program challenge was the absence of reciprocity; Peruvian citizens were entitled to free health care services in Ecuador but Ecuadoran citizens did not receive the same benefit in Peru. The need for improvements in the binational system’s human resources was also identified. The program’s main strength was its organizational structure, which is designed mainly for the implementation of 1) the binational network and 2) a patient referral / counter-referral system that includes the transfer of patient clinical information. Conclusions. Notwithstanding considerable challenges, peri-border programs are feasible and replicable. Program success seems to be highly dependent on the completion of a number of steps, including 1) consolidation of the original binational memorandum into a binding binational agreement between the two countries; 2) achievement of similar standards in both countries for the provision and quality of health care services, focusing on complementarities; and 3) development of an integrated binational information system.

Read the full paper

 

Share
Leave a comment

Italy’s contribution to global health: the need for a paradigm shift

GlobalHealth

Globalization and Health 2014, 10:25  doi:10.1186/1744-8603-10-25

Eduardo Missoni, Fabrizio Tediosi, Guglielmo Pacileo and Lara Gautier

Abstract

This paper reviews Italian Development Assistance for Health and overall contribution to Global Health from 2001 to 2012. It analyses strategies and roles of central and decentralized authorities as well as those of private non-profit and corporate actors. The research illustrates a very low and unstable official contribution that lags far behind internationally agreed upon objectives, a highly fragmented institutional scenario, and controversial political choices favouring “vertical” global initiatives undermining national health systems, and in contrast with Italian deep-rooted principles, traditional approaches and official guidelines.

Italy’s contribution to global health goes beyond official development aid, however. The raising movement toward Universal Health Coverage may offer an extraordinary opportunity for a leading role to a country whose National Health System is founded on the principles of universal and equitable access to care. At the same time, the distinctive experience of Italian decentralized cooperation, with the involvement of a multiplicity actors in a coordinated effort for cooperation in health with homologous partners in developing countries, may offer – if adequately harnessed – new opportunities for an Italian “system” of development cooperation. Nevertheless, the indispensable prerequisite of a substantial increase in public funding is challenged by the current economic crisis and domestic political situation. For a renewed Italian role in development and global health, a paradigm shift is needed, requiring both conceptual revision and deep institutional and managerial reforms to ensure an appropriate strategic direction and an efficient and effective use of resources.

Read the full paper

Share
Posted in Cooperazione allo sviluppo, Salute Globale, Sviluppo | Tagged , , | Leave a comment

Management of International Institutions and NGOs

Evento dibattito su:
“Management of International Institutions and NGOs”
Mercoledì 9 aprile, 17-19:30

LUISS, viale Romania 32 Aula 304B
In occasione della pubblicazione del libro: “Management of Institutions and NGOs: Frameworks, Practices and Challenges”, a cura di Eduardo Missoni (Bocconi) e Daniele Alesani (UNFPA) (London, Routledge, 2013), ne discutono con gli autori:

  • Giampaolo Cantini, Direttore Generale della Direzione Generale Cooperazione allo Sviluppo (DGCS), Ministero degli Affari Esteri
  • Gherardo Casini, Direttore dell’ufficio UNDESA di Roma
  • Diana Copper, ex studentessa LUISS e Commonwealth Secretariat
  • Maura Viezzoli, Head of Higher Education and Liaison with Private Donors, CISP

Chair:

  • Raffaele Marchetti, LUISS Guido Carli

Presentazione e dibattito avverranno in lingua inglese.

Per registrazioni e informazioni:
LUISS School of Government Email: sog@luiss.it

Share
Posted in Governance Globale, Istituzioni Internazionali, Organizzazioni Non Governative, Sviluppo | Leave a comment

Margherita Gabrielli 1916 – 2007 “Tracce di un percorso” – Mostra retrospettiva

Trieste_MG

Sabato 1° marzo, ore 18
Polveredarte
Piazza della Valle 3/a
TRIESTE

Nella pittura di Margherita Gabrielli – filosofa, storica dell’arte, pittrice e terapeuta – protagonisti sono colori e movimenti che originano direttamente dall’anima. La pittura di Margherita, come le sue altrettanto straordinarie rivelazioni storico-artistiche, traggono forte ispirazione dall’antroposofia e ci introducono a una dimensione spirituale che l’umanità deve ancora percorrere.

I nipoti dell’artista, Elisabetta, Eduardo, Dario e Folco hanno deciso di conservarne tutte le opere creando l’Associazione  Margherita Gabrielli, con sede presso l’Azienda Agricola Foffani a Clauiano (UD)
dove il 17 maggio 2014 verrà inaugurato uno spazio espositivo permanente.

Informazioni sull’ artista nel sito: www.margheritagabrielli.it

Share
Posted in Arte | Tagged | Leave a comment

Auguri!

Natale 2013 – Capodanno 2014

Care amiche e cari amici,

tra quelli più giovani di voi, sono sempre di più quelli che desiderano orientare il loro impegno professionale verso qualcosa di socialmente utile, verso un obiettivo che dia un significato profondo al proprio lavoro.
Altri amici sono da tempo impegnati nella costruzione di un mondo migliore, non si sono mai stancati di lottare e continuano a sperimentare nuovi percorsi.

Il mondo non è come lo vorremmo. Prima ancora che economica, la crisi è sociale, culturale, ambientale e morale. Potenti interessi personali e privati continuano a mettere a repentaglio il futuro della maggioranza degli abitanti della terra e persino del Pianeta stesso. È sempre più necessario e urgente invertire la rotta fissata da un sistema basato sulla competizione e l’individualismo, la cupidigia e la prevaricazione, consumi indiscriminati, un’irresponsabile sfruttamento delle risorse naturali e criminale inquinamento dell’ambiente. S’insegue un’insostenibile crescita economica infinita, e ci si misura con indicatori macroeconomici che dimenticano i bisogni veri delle persone e i valori della convivenza umana.

Dunque il mio augurio è di cooperazione, solidarietà, inclusione e impegno comune nella ricerca di nuove strade per la costruzione di un mondo dove non solo ci sia spazio e attenzione  per i bisogni di tutte e tutti, ma che ce ne sia anche per quelli delle generazioni future.
Darà gioia pensare che quel mondo diverso e possibile lo stiamo costruendo insieme.

Auguri!

Eduardo
www.eduardomissoni.info

Share
Posted in Auguri | Tagged | Leave a comment

Il futuro della cooperazione internazionale per la salute in un mondo in crisi

 

torino_simet

7º Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina Tropicale

Torino, 28-30 novembre 2013

Abstract

di Eduardo Missoni

 

Dopo un decennio di attenzione senza precedenti ai temi della salute e di una crescita straordinaria degli aiuti in sanità che ha raggiunto il suo massimo storico nel 2010, i fondi internazionali pubblici e privati per la cooperazione allo sviluppo nel settore della sanità hanno iniziato a decrescere dal 2011, almeno in parte come conseguenza della crisi economica internazionale. Anche l’“architettura degli aiuti” e in generale della governance internazionale dello sviluppo in sanità, come in altri settori, si è sostanzialmente modificata a partire dalla fine degli anni ’90. L’emergenza di nuovi attori globali pubblici e privati, la sperimentazione di nuovi modelli organizzativi e le alleanze pubblico-privato hanno reso il quadro più complesso e frammentato.

Nonostante le molte energie spese per migliorare l’allineamento degli aiuti alle strategie e alle procedure dei beneficiari, anche attraverso programmi ad approccio settoriale integrato (SWAp) e la creazione di fondi comuni, l’esperienza di molti paesi in via di sviluppo dimostra che gli aiuti per la sanità (come negli altri settori) continuano ad essere erogati in gran parte attraverso iniziative a breve termine, a progetto, ideate e dirette dai donatori e dedicate a specifici temi o malattie (“verticali”) ed in particolare all’HIV/AIDS. Con il risultato di un’elevatissima frammentazione degli aiuti, una crescente inefficienza, una scarsa attenzione alle vere priorità dei beneficiari e un peso gestionale ed economico crescente sui già deboli sistemi dei paesi beneficiari.

Nel contempo la geografia globale della povertà e le condizioni epidemiologiche sono sostanzialmente cambiate. La maggior parte dei poveri del mondo infatti non vive più nei paesi di reddito più basso, ma in paesi a medio reddito obbligando ad un cambiamento nell’orientamento dei fondi. Un’importante transizione epidemiologica ha messo i paesi poveri di fronte ad un doppio carico di malattia aggiungendo alla difficile lotta contro le malattie infettive, l’ancor più difficile controllo delle malattie croniche e nuove sfide alla salute legate al processo di accelerazione della globalizzazione. Intanto si avvicina la scadenza del 2015 per il raggiungimento degli obiettivi del millennio e s’intensifica il dibattito alle nuove priorità globali sulle quali concentrare gli sforzi della comunità internazionale e degli attori transnazionali. Di fronte a questo scenario la cooperazione internazionale va necessariamente ripensata a partire da un uso più efficiente ed efficace delle risorse a disposizione, ivi inclusa l’applicazione da parte di tutti gli attori dei principi della Dichiarazione di Parigi, e un rinnovato approccio di sistema che metta al primo posto le cure primarie per la salute. Tuttavia, senza un’azione coordinata g-locale che promuova la salute come  diritto e ne affronti i determinanti sociali anche a livello di governance, non sarà però possibile affrontare adeguatamente la crisi in atto che, prima ancora che economica è sociale e etica.

 

Share
Posted in Cooperazione allo sviluppo, Salute Globale | Tagged , , , | Leave a comment

Università e Cooperazione allo Sviluppo – per un libro bianco del CUCS

Video presentato a Genova il 14 Novembre in occasione del IV Congresso Nazionale SPeRA. L’intervento programmato in sede Coordinamento Universitario per la Cooperazione allo Sviluppo (CUCS) propone la pubblicazione di un “libro bianco” sullo stato della Cooperazione Universitaria allo Sviluppo.

Share
Posted in Cooperazione allo sviluppo, Università | 1 Comment

“Decrescita” e salute. L’azione locale da sola non è sufficiente. Sono necessarie politiche globali

«Chi crede che una crescita esponenziale possa continuare all’infinito in un mondo finito è un pazzo, oppure un economista» (Kenneth Boulding)

La transizione verso una società della sostenibilità e della decrescita non è possibile senza adeguati meccanismi di governance e di regolazione del mercato
Per una governance globale e nazionale che sostenga la salute, promuova sistemi sanitari equi e sostenibili, è indispensabile l’alleanza tra is4tuzioni e forze sociali nazionali e transnazionali il cui fine sia la promozione della salute come diriTo fondamentale, bene comune e priorità di tuTe le poli4che.

Share
Posted in Governance Globale, Organizzazione Mondiale della Sanità, Salute Globale | Leave a comment

Il 2015 si avvicina, ma il millennio non è finito. Cosa ne sarà degli obiettivi di sviluppo?

salute5_bassaEduardo Missoni e Giulia Ferrari

A soli tre anni dal 2015, data prefissata per il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo del millennio (MDG), la comunità internazionale si interroga su quale debba essere l’agenda per lo sviluppo oltre il 2015 (United Nations Development Agenda beyond 2015). Gli MDG hanno rappresentato uno straordinario strumento per catalizzare attenzione e consenso politico a livello globale sui temi dello sviluppo, contribuendo a far crescere il volume degli aiuti allo sviluppo, come riconoscono gli autori di un lungo articolo del Lancet. Tuttavia, l’approccio adottato per la formulazione degli MDG, e di conseguenza le modalità adot- tate per raggiungerli, non sono stati scevri da critiche. Da più parti dunque, l’approssimarsi della scadenza del 2015 è considerata un’eccellente opportunità per la ridefinizione dell’agenda per lo sviluppo e la correzione di quell’approccio, nel metodo e nei contenuti.
La salute è essenziale per il miglioramento delle condizioni di vita e per lo sviluppo, e tre degli otto MDG riguardano direttamente le con- dizioni di salute. In molti Paesi a basso e medio reddito sono stati fatti notevoli progressi in termini di salute nell’ultimo decennio. La mortali- tà infantile e quella materna si sono ridotte a ritmi mai conosciuti in precedenza ed è migliorato il controllo delle principali malattie infetti- ve, come AIDS, malaria e tubercolosi. Ciononostante, è ormai certo che molti Paesi, soprattutto nell’Africa Subsahariana e nell’Asia meri- dionale, non raggiungeranno entro il 2015 le mete stabilite. Il fallimen- to può essere in parte attribuito all’inadeguatezza degli obiettivi e degli indicatori scelti, ma cresce la convinzione che lo sviluppo economico abbia spesso accresciuto le disuguaglianze e le condizioni d’iniquità. Allo stato attuale sono in molti a considerare lacunoso l’attuale sistema di MDG, sostenendo la necessità di ripensare il modello…. Leggi il seguito su www.saluteglobale.it

 

Share
Posted in Governance Globale, Organizzazione Mondiale della Sanità, Salute Globale, Sviluppo | Leave a comment